Colazione da ré


Colazione da ré, pranzo da principe e cena da povero.

Questo detto popolare racchiude una delle più importanti verità nel campo dell’alimentazione e della dieta quotidiana.

La colazione, da molti sottovalutata, dovrebbe essere il pasto cardine della giornata: è come scendere dal letto partendo col piede giusto.

Saltare la prima colazione, sport molto praticato da adulti, bambini ed adolescenti provoca infatti conseguenze negative non solo sulla concentrazione, ma anche sul peso. Saltare la colazione, come è stato ampiamente dimostrato, favorisce l’aumento di incidenza di sovrappeso e di obesità.

Riflettiamo inoltre sul fatto che l’appetito al mattino deriva, oltre che dall’abitudine a fare colazione, anche dalla cena che si è consumata la sera precedente. La cena dev’essere a basso indice glicemico e contenere il carburante sufficiente per far funzionare bene il nostro organismo durante la notte, senza mandarlo sotto stress, come accade invece se la cena è troppo ricca di proteine animali

Se consumata con regolarità, si eviterà di mangiare di più, tra snack, pranzo e cene esagerate rispetto a quanto sarebbe necessario. Ma non solo È anche il primo passo per raggiungere il totale benessere, per sentirci davvero bene, in armonia con il nostro corpo e la nostra mente.

Quando ci svegliamo, dopo il digiuno prolungato di 8 ore circa, abbiamo nel sangue bassi livelli di insulina e più elevati livelli cortisolo.

Questo indica che stiamo “bruciando” grassi e proteine per ricavare l’energia necessaria. È importante ripristinare subito le scorte di glucosio (zucchero) per darci l’energia necessaria per affrontare al meglio la giornata: fare una buona colazione migliora i livelli di attenzione, memoria e concentrazione.

Diversamente da quanto si possa pensare, invece, saltare la colazione comporta una tendenza maggiore all’incremento di peso (rallentamento metabolismo, difficoltà di attenzione, nervosismo, spossatezza e bisogno di cibo che verrà sodisfatto con jink food).

Vediamo quindi cosa non deve mai mancare sulla tavola al mattino.


BEVANDA IDRATANTE

E’ importante iniziare a idratare l’organismo dopo molte ore di digiuno anche idrico. Ottimo a questo scopo un bel bicchiere d’acqua a temperatura ambiente naturale o bollita per qualche minuto, secondo la medicina ayurvedica in questo modo l’acqua potenzia le sue virtù detossificanti. All’acqua può anche essere aggiunto succo di limone, utile per stimolare lo svuotamento della vescica biliare e di conseguenza lo svuotamento dell’intestino, grazie all’azione dei sali biliari, e una riduzione del colesterolo ematico (del sangue). Non sottovalutate infine l’azione tonica del succo di limone…molto più efficace del caffè, provare per credere!

Altre possibilità spaziano dai succhi freschi (centrifughe o spremute) di frutta (arance, fragole, melograno, ecc.) ai succhi di mela o di mirtillo (senza zucchero aggiunto!), oppure infusi di tè verde con o senza aromatizzanti (menta, salvia, frutti di bosco, rose, gelsomino, ecc.), infusi di piante, infusi di frutti, caffè d’orzo, tè nero, tè oolong, eccetera eccetera.


QUOTA DI CARBOIDRATI COMPLESSI

Questi rilasciano energia gradualmente e che quindi garantiscono la giusta sazietà. Fanno parte dei carboidrati complessi ad es fette di pane di segale o di farro a lievitazione naturale, migliori dei soliti biscotti e fette biscottate raffinate. Al posto dei cornflakes, che hanno, oltretutto, una quantità di zuccheri aggiunti non indifferente, preferite il muesli (controllate sempre che non abbia zuccheri aggiunti) oppure i fiocchi d’avena.

Nei giorni di festa o per chi, grande o piccino, si avvicina con timore alla prima colazione, vanno benissimo torte e biscotti di produzione casalinga, con ingredienti semplici: farina semintegrale, burro, crema di mandorle, zucchero integrale di canna, uvette, semi oleosi, latte di soia, latte di riso, marmellate, frutta fresca, ecc. se sono prodotte in casa meglio, altrimenti cercate almeno di evitare, per uso frequente, i prodotti da forno che contengono grassi vegetali.


2) QUOTA DI PROTEINE

Quindi mai dimenticarsele! Per una prima colazione dolce consiglio yogurt bianco naturale oppure yogurt greco senza zuccheri.

Per la versione salata: uova, salmone affumicato selvaggio, prosciutto crudo dop, ricotta vaccina.


3) GRASSI SALUTARI

Non i grassi dei prodotti industriali confezionati.

Servono omega 3 e 6: li contengono frutta secca a guscio e le relative creme e avocado

Anche i semi (es lino o chia) vanno bene da aggiungere a queste colazione, così come qualche scaglia di cocco. Se praticate sport e non avete problemi di peso, due o tre volte a settimana potete usare del burro chiarificato sulle fette di pane di segale con della cannella.


La vostra colazione rispetta queste regole generali?

Attendo i vostri commenti.


Dott.ssa Laura Mazza

Via Cingia 8, Lodi

www.lauramazza.com

laura.mazza87@gmail.com

+393408686970

190 visualizzazioni

Studio Lodi, via Luigi Cingia 8

Studio Crema, via XX Settembre 24

 

Mobile. 340 86 86 970

laura.mazza87@gmail.com

Facebook - dott.ssa laura mazza

Instagram laura mazza benessere

  • Facebook - cerchio grigio

© 2018 Laura Mazza