IN INVERNO MANGIAMO LE ZUPPE



Cosa c’è di meglio in una serata invernale, che mangiare una zuppa?

Molti di voi staranno passando in rassegna, pizze di vari gusti, spezzatini fumanti, polenta e formaggio, pastasciuttone.

Ma la minestra fumante ci rimanda subito in una sensazione di calore, di focolare di condivisione, anche i proverbi dicono che se arrivano ospiti ed abbiamo una minestra pronta…basta aggiungere acqua! Viene consumata la sera, ci riscalda dopo una giornata difficile, ma anche ci idrata. Ecco il primo importante valore nutrizionale delle minestre.

D’inverno tendenzialmente beviamo poco, perché il freddo non ci invita a bere, soprattutto l’acqua. Eppure l’organismo d’inverno ha bisogno d’acqua, molte persone soffrono di pelle secca più d’inverno che d’estate. E poi, se abbiamo il raffreddore o ancora meglio catarro denso, la minestra ci aiuta a scioglierlo, grazie all’acqua. Questo effetto viene amplificato se a fine cottura aggiungiamo odori freschi (ma anche essiccati) di timo, rosmarino, salvia, maggiorana che hanno funzione antibiotica e digestiva. Nell’acqua di cottura delle minestre inoltre sono disciolti numerosi metalli importanti: dal ferro al rame dallo zinco allo zolfo che ci aiutano a rinforzare le difese immunitarie.

Nelle minestre possiamo sbizzarrirci nell’accostare cereali integrali e legumi che ci aiutano a ridurre il colesterolo accumulato durante le feste, o quando la mano scivola troppo sul formaggio. Per perseguire questo obiettivo i più indicati sono i fagioli tra i legumi e l’avena tra i cereali, a seguire l’orzo e la segale. Di non poco conto è anche la scelta delle verdure, rigorosamente di stagione: porri e zucca che aiutano a sciogliere il catarro, cavoli e verze che rinforzano l’apparato respiratorio, ma anche il radicchio che aiuta a pulire il nostro fegato spesso maltrattato.

Inoltre le minestre la sera conciliano una dolce sonno ristoratore e questo è un buon motivo per continuare ad utilizzarle anche quando l’inverno sarà finito.

E per i bambini? Vanno bene le minestre? I bambini hanno bisogno di pasti nutrienti.

Questo nell’immaginario comune viene associato a carne, pastasciutte, formaggio…in realtà ciò che più spesso manca ai nostri bambini sono proprio le “chiavi di avviamento” cioè i minerali e le vitamine. Li aiuterà a dormire bene ed a sciogliere durante la notte l’eventuale muco accumulato di giorno. Per renderla più appetibile si possono aggiungere crostini di pane fatti in casa oppure legumi interi che stimolano la curiosità. Si possono trovare ciotole divertenti o formati di pasta stravaganti. Insomma anche per le minestre vale la stessa regola: quando la decisione è presa, le soluzioni arrivano da sole!


Dott.ssa Laura Mazza, Biologa Nutrizionista

www.lauramazza.com

3408686970

laura.mazza87@gmail.com

Studi: Lodi, Crema, Treviglio

55 visualizzazioni

Studio Lodi, via Luigi Cingia 8

Studio Crema, via XX Settembre 24

 

Mobile. 340 86 86 970

laura.mazza87@gmail.com

Facebook - dott.ssa laura mazza

Instagram laura mazza benessere

  • Facebook - cerchio grigio

© 2018 Laura Mazza